PROSSIMO SPETTACOLO:

Giornata Nazionale Parkinson 2019: workshop con Marigia Maggipinto

domenica 24 novembre 2019

VISUALIZZA
4_Courtesy La Biennale di Venezia – foto di A. Avezzù

ANIMALE
Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco (Italia)

Ispirata al pittore Antonio Ligabue e alle sue straordinarie visioni del mondo naturale, Francesca Foscarini ha creato un gioiellino coreografico, plasmando sul danzatore francese Romain Guion una mappa capace di evocare mondi umani e animali.

INFORMAZIONI

map

ANIMALE
Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco (Italia)

23.08.2019

CSC Garage Nardini
Bassano del Grappa

ORE 19.00 e 22.30
INGRESSO € 5

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
24.08.2019
+

SCHISMOGENESIS

ideazione, creazione Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco
coreografia Francesca Foscarini
interpretazione, co-creazione Romain Guion
drammaturgia Cosimo Lopalco
musiche originali Andrea Cera
video licorne Maider Fortune
disegno luci, tecnica Luca Serafini
programmazione videoproiezione Andrea Santini
costumi Giuseppe Parisotto
voci
Miki Seltzer in “Genesi 2” (19-20),
Bela Lugosi in “Bride of the Monster” by Ed Wood
Suoni
“Seals” Martin Clarke,
“Summer Sunset” Eckhard Kuchenbecker,
“Tikal Dawn” Andreas Bick
produzioneVAN – Ente sostenuto dal Ministero dei Beni Culturali
Co-produzione La Biennale Danza di Venezia
Con il sostegno di CSC Centro per la Scena Contemporanea Bassano del Grappa, Tanzhaus Zurich, Istituto Italiano di Cultura Parigi, Teatro Stabile del Veneto

Muovendo dal pittore Antonio Ligabue e dal suo interesse per il mondo animale e per l’autoritratto, Animale esplora la comune radice indoeuropea ane (respiro) delle parole italiane anima e animale e delle loro numerose varianti. Che cosa gli umani hanno in comune con gli altri animali e quale invece è la loro singolarità, la loro “anima”? E questa “animalità” come si relaziona alla natura che abita, come vive la nascita, la morte, il dolore? Alla tragicità della vita si contrappone la speranza data da un segno improvviso e inatteso: è il sentire umano (animale?), il nostro sguardo sul mondo. Intuizioni non dissimili da quelle del “pittore di animale” (come lui stesso amava definirsi) Antonio Ligabue quando dipinge una natura di lotta in cui ogni vivente è prigioniero del proprio istinto, del proprio destino di specie, dove si uccide e si è uccisi, senza scampo, ma dove allo stesso tempo, come una promessa di paradiso, improvvisa si alza in volo una farfalla, un fiore si schiude, delicata una libellula si libra nell’aria fresca del mattino.
(Cosimo Lopalco)

Taking inspiration from the painter Antonio Ligabue and his interest in animals and self-portraits, Animale explores the Indo-European word ane, common root for the Italian words anima (soul) and animale (animal) and the various similar words in other languages. What do have humans and animals have in common? And how does this “animal instinct” relate to Nature, Life, Death, Sorrow? The hope given by an unexpected sign contrasts the tragedy of life: that’s the human perspective on the world. A perspective close to Antonio Ligabue’s intuitions and artworks.

twitter