PROSSIMO SPETTACOLO:

Nora Chipaumire

sabato 30 marzo 2019

VISUALIZZA
art_5679_2_Ferrovie_locomotiva

ANIME DISPERSE – L’ODISSEA DEL PROFUGATO
Paola Rossi / Carlo Presotto / Banda Brian

In un racconto originale, costruito a partire da documenti, interviste e memorie si cerca di ricostruire una vicenda dimenticata della Grande Guerra, quella dei profugahi della Valbrenta, e ridare voce ai suoi protagonisti.
drammaturgia Paola Rossi
con Paola Rossi e Carlo Presotto
musica dal vivo BANDABRIAN
Alessandra Bertazzo, voce, mandolino
Modesto Brian, violino, mandolino
Filippo Carollo, contrabbasso, mandola
Sandro Maculan, organetto, tromba, flauto, voce
Bruno Scanagatta violino
Charlie Vaccari chitarra
Domenico Zamboni flauto, chitarra, piva, ocarina

INFORMAZIONI

map

ANIME DISPERSE – L’ODISSEA DEL PROFUGATO
Paola Rossi / Carlo Presotto / Banda Brian

11.08.2018

Rimessa locomotive di Primolano
Cismon del Grappa

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35, Bassano del Grappa tel. 0424 524214 – 0424 519811 (chiusa da dicembre a maggio)
Ufficio Informazioni Operaestate 0424 519819

ORE 17.30
INGRESSO Unico €10.00 PRENOTAZIONE CONSIGLIATA

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
16.08.2018
+

TRINCEE: RISVEGLIO DI PRIMAVERA

Il 24 ottobre 1917 l’esercito austroungarico forza la difesa italiana sull’Isonzo: è “la disfatta di Caporetto”. Il nemico avanza, la nuova linea del fronte si stabilisce tra l’Altipiano d’Asiago, il monte Grappa e il fiume Piave e oltre mezzo milione di civili fuggono dalle province di Udine, Belluno, Treviso, Venezia e Vicenza. Anche gli abitanti della valle del Brenta sono costretti a lasciare in poche ore le proprie case e salire su treni con destinazione ignota. Inizia per loro un’odissea che li conduce in regioni anche molto lontane, diverse per clima, lingua, tradizioni: una vera e propria diaspora che smembra comunità e separa nuclei familiari. Anime disperse è il tentativo di ridare voce ad alcuni dei testimoni di questo esodo: Candida, Giovanni, don Vittorio, Palmira, Narcisa, Ida, Albino prendono la parola e raccontano l’esperienza del profugato da un punto di vista esclusivamente umano. Brevi monologhi, episodi e frammenti di una vicenda collettiva dai diversi esiti e dalle molte sfaccettature. Musiche e canzoni, in gran parte frutto di una ricerca nella tradizione orale, ci restituiscono il clima dell’epoca e i sentimenti vivi delle persone che dietro a quelle canzoni si nascondono: paura, disperazione, rabbia, ma anche amore, speranza e ironia. Il testo, ispirato liberamente ai libri Un viaggio lungo un secolo di Angelo Chemin e Daniela Caenaro e Il profugato di San Nazario e della Valbrenta dopo Caporetto di Eugenio Campana, prende vita con l’interpretazione di Paola Rossi e Carlo Presotto, accompagnati dalle note della BandaBrian.

twitter