PROSSIMO SPETTACOLO:

NOTES ON FRAILTY

giovedì 18 luglio 2019

VISUALIZZA
ALIAS HD_photo_gregory_batardon__50A6422-1500x900

ANTES
CIE Alias

Con il travolgente Antes, Guilherme Botelho riflette sull’origine del mondo e sulla natura umana. Con una coreografia che assomiglia a un paesaggio: di corpi pieni di energia, potenza e vita.

INFORMAZIONI

map

ANTES
CIE Alias

16.07.2019

Teatro al Castello "Tito Gobbi"
Bassano del Grappa

Acquista su Vivaticket

ORE 21.20
INGRESSO intero € 20 ridotto € 16

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
18.07.2019
+

NOTES ON FRAILTY

Coreografia: Guilherme Botelho
Assistente e Interprete: Claire-Marie Ricarte
Light design: Jean-Philippe Roy
Interpreti: Amaury Réot, Carl Crochet, Erica Bravini, Erik Lobelius, Fabio Bergamaschi, Linn Ragnarsson, Louis Bourel, Sophia Preidel, Veronica Garcia, Victoria Hoyland, Arnaud Bacharach

Luci originali:  Jean-Philippe Roy

Musica originale: Fernando Corono – « Murcof »

Tecnico: Davide Cornil

Produzione: Cie Alias

Co-produzione:  Théâtre Forum Meyrin, Théâtre du Crochetan

Lo spettacolo è sostenuto da un finanziamento congiunto da parte della Città di Meyrin, della Città di Genova, del Cantone di Geneva e di Pro Helvetia – Swiss Foundation for the Promotion of Culture. Alias è una compagnia di danza in associazione con il Theater Forum Meyrin (Geneva) e il Theater Crochetan (Valais).

La compagnia Alias, diretta dal coreografo Guilherme Botelho presenta presenta Antes, terza e ultima parte del trittico Distância in cui Botelho esplora l’origine dell’uomo.

Sfruttando l’anatomia al limite dell’astrazione, iniziamo a renderci conto di quanto raramente guardiamo il corpo da una tale prospettiva. E il ruolo del coreografo sta nella capacità di svelare l’ignoto nel familiare, di presentare i corpi come territori, come esperienza e possibilità di conoscenza. La coreografia è un paesaggio fatto di corpi sovraccarichi di energia, di potenza e di vita. Un conglomerato di atomi, di tendini e legamenti, di muscoli e di carne, una foresta di homo sapiens, i piedi radicati nel terreno. La chiave della grammatica coreografica di G. Botelho è l’intimità, ci colpisce nell’immagine del movimento costante del paesaggio, in cui ogni corpo è parte di un insieme più ampio, una parte naturale di un ambiente in continua evoluzione. I suoi danzatori sono vento, acqua, vita. E anche se i loro corpi non entrano mai in contatto, creano un unico corpo integrale. Alias, fra le principali compagnie svizzere, dalla sua creazione nel 1994, ha prodotto oltre 25 spettacoli di grande successo internazionale con oltre 500 rappresentazioni in molti paesi di Europa, Africa, Asia e Americhe.

twitter