PROSSIMO SPETTACOLO:

Giornata Nazionale Parkinson 2019: workshop con Marigia Maggipinto

domenica 24 novembre 2019

VISUALIZZA
barabao2

ASPETTANDO ERCOLE
Barabao Teatro

libero adattamento de
“L’Anfitrione” di Plauto
con
Romina Ranzato
Cristina Ranzato
Ivan Di Noia
Mirco Trevisan
regia e maschere
Matteo Destro
spettacolo vincitore della XXI edizione del Festival Internazionale di Teatro di Lugano nel 2012

INFORMAZIONI

map

ASPETTANDO ERCOLE
Barabao Teatro

27.08.2015

CSC Garage Nardini
Bassano del Grappa

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35 tel. 0424 524214 – 0424 519811 www.operaestate.it

ORE 21.00
INGRESSO € 5.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
29.08.2015
+

B.

Teatro
27.08.2015
+

L'INSONNE

“L’uomo è uguale a se stesso. Dal primo vagito. Interagisce di questi tempi attraverso uno schermo, si svaga in piazze virtuali, si evolve in uno stadio ipertecnologico. Ma resta uguale. Dentro, scienza e tecnica non entrano. Scannerizzano senza modificare, atteggiamenti, attitudini, dinamiche, strutture sociali, moti e pulsazioni. Confezionate diversamente. Testimonianza, l’universalità del mito. A cosa servono gli eroi (dunque) si domandano i Barabao Teatro in “Aspettando Ercole”. Mettendolo in bocca a Sosia, un servo buffo, rincoglionito, pasticcione. Personaggio di spicco tra le caricature dei protagonisti delle epopee mitologiche. Sovrani politicanti, guerrieri sconfitti, divinità istintive, messaggeri tonti. Direttamente dal mito e parodiati alla buffonesca. Per diletto. Puro e sacrosanto diletto si sta incollati alle scene vogliosi di altre risate… e pazienza per gli indefessi del concettuale civile e militante. A teatro si va anche per svago. A cosa servono (dunque) gli eroi se non a innalzare la megalomania umana tendente a un ideale di superuomo da prendere a modello? Perché si ha bisogno di ambire a qualcosa di irraggiungibile, di perfetto, che rappresenti l’archetipo/alibi di misere e anonime esistenze. O semplicemente normali. Da comuni mortali. I personaggi recitano in maschera, adottano gli sberleffi della commedia dell’arte, orchestrati da una direzione registica precisa, attenta a scandire ritmi definiti senza accavallare scene che si susseguono forsennate nell’atto unico, generosa nel produrre varietà di presenza scenica – scene corali alternate ad azioni di coppia, triangoli e monologhi. Il tutto in un’ora e mezza di pura gradevolezze. Quando ci sono le idee…” (Emilio Nigro)

twitter