PROSSIMO SPETTACOLO:

Giornata Nazionale Parkinson 2019: workshop con Marigia Maggipinto

domenica 24 novembre 2019

VISUALIZZA
Celestini 1

BALLATA DEI SENZA TETTO
Ascanio Celestini

Di e con Ascanio Celestini con Gianluca Casadei (fisarmonica, tastiere, live electronics)
produzione Fabbrica srl distribuzione Mismaonda srl

INFORMAZIONI

map

BALLATA DEI SENZA TETTO
Ascanio Celestini

24.07.2018

Teatro al Castello "Tito Gobbi"
Bassano del Grappa

Acquista su Vivaticket

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35, Bassano del Grappa tel. 0424 524214 – 0424 519811 (chiusa da dicembre a maggio)

Ufficio Informazioni Operaestate 0424 519819

 

ORE 21.20
INGRESSO €15.00 intero/ €12.00 ridotto

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
08.09.2018
+

I CROLLI DI SHAKESPEARE

Progetto drammaturgico che sembra costruirsi in scena replica dopo replica, Ballata dei senzatetto è un’improvvisazione teatrale, un gioco di rimandi tra i personaggi della trilogia a cui Celestini lavora da anni: dopo Laika e Pueblo, il terzo capitolo è in fase di lavorazione e qui assistiamo ad un primo tentativo di interazione. Il pubblico riconoscerà alcuni dei personaggi di questa ballata, mentre di altri farà per la prima volta conoscenza; ma la storia di tutti è già scritta: si aggiravano ai margini delle due scene precedenti, in attesa che le luci della ribalta illuminassero frammenti delle loro giornate e dei loro pensieri. A volte, le loro vite scorrono le une all’insaputa delle altre, ma il loro habitat li unisce e li rende loro malgrado creature simili; anche qui, infatti, tutto ruota intorno a quei parcheggi di periferia su cui si affacciano il supermercato, dove forse è di turno la cassiera di Pueblo – già la vediamo passare con gesti meccanici la merce sul nastro; e il grande magazzino, che Giobbe l’analfabeta, volto nuovo, conosce a memoria. Il narratore li osserva e li racconta; ma da vedere a interpretare il passo è breve, ancora più breve la strada che porta ad immaginare. Allora è facile chiedersi cosa sia realtà e cosa invenzione, ma ci fidiamo volentieri. La periferia italiana e i suoi abitanti perdono la concretezza del “degrado” con cui siamo soliti misurarli, e assumono i contorni sfumati del mito, riacquistando la dignità che meritano. Anche grazie alle musiche in scena di Gianluca Casadei, è facile lasciarci trasportare e ballare con loro.

twitter