PROSSIMO SPETTACOLO:

GIOVANNA GARZOTTO + REMO PERONATO

sabato 18 novembre 2017

VISUALIZZA
alessio-boni

CANTO DEGLI ESCLUSI concerto a 2 per Alda Merini
Alessio Boni/Marcello Prayer

Dopo l’eccezionale successo della fiction televisiva “Di padre in figlia”, girata a Bassano, Alessio Boni torna nella città del Grappa con una serata evento dedicata alla straordinaria poesia di Alda Merini. In scena con Marcello Prayer, Boni costruisce una partitura ritmica che fonde due voci in una sola, riuscendo ad esaltare versi di grande intensità emotiva. Con sensibilità e intelligenza interpretativa, fra disvelamenti e apparizioni, fra consapevolezze amare e istintive felicità, i due indagano così lo spazio mentale della Merini, che irrompe nella fantasia e negli empiti primari dell’anima, con le parole libere della vera poesia.

INFORMAZIONI

map

CANTO DEGLI ESCLUSI concerto a 2 per Alda Merini
Alessio Boni/Marcello Prayer

18.08.2017

Teatro al Castello "Tito Gobbi"
Bassano del Grappa

Acquista su Vivaticket

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35, Bassano del Grappa tel. 0424 524214 – 0424 519811

ORE 21.00
INGRESSO €15.00 / €12.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
20.08.2017
+

NELLA VALLE DELLE TERRAZZE SOSPESE

Testi di Alda Merini
Selezionati e interpretati da Alessio Boni, Marcello Prayer

Dopo l’eccezionale successo della fiction televisiva “Di padre in figlia”, girata a Bassano, Alessio Boni torna nella città del Grappa con una serata evento dedicata alla straordinaria poesia di Alda Merini, caratterizzata da uno stile limpido e nello stesso tempo incisivo, con cui l’autrice descrive perfettamente il suo mondo interiore. In scena con Marcello Prayer, Boni costruisce una partitura ritmica che fonde due voci in una sola, riuscendo ad esaltare versi di grande intensità emotiva e a cadenzarne la ritmicità, nel grumo di contraddizioni che li hanno partoriti. Con sensibilità e intelligenza interpretativa, fra disvelamenti e apparizioni, fra consapevolezze amare e istintive felicità, i due indagano così lo spazio mentale della Merini, che irrompe nella fantasia e negli empiti primari dell’anima, con le parole libere della poesia più vera. Una poesia istintiva, quasi ingenua nella sua spontaneità, dotata di qualità visionarie ed orfiche: l’autrice infatti compone i suoi versi per accostamenti di immagini, apparentemente senza alcun collegamento logico. Il suo stile è dominato da una fantastica irruenza, ma tutto ciò si unisce anche ad una spiccata tendenza narrativa. Una poesia che arriva indistintamente a tutti: dall’intellettuale all’idraulico. Perché Alda Merini è una poetessa “da marciapiede”, così potente, così diretta, senza filtri cerebrali. La sua sofferenza, profonda e terribile, autentica, vissuta sulla pelle, tocca il cuore di ogni tipo di pubblico. “Abbiamo immaginato d’ascoltare la Sua voce dettarci, come gli antichi rapsodi, il Libro di Poesia da mettere in voce: così è nata la necessità di questo straordinario itinerario poetico” affermano all’unisono Boni e Prayer.

twitter