PROSSIMO SPETTACOLO:

GIOVANNA GARZOTTO + REMO PERONATO

sabato 18 novembre 2017

VISUALIZZA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

COLLECTIF UTILITE PUBLIQUE
Morphoses

Negli spazi suggestivi del Palazzo Pretorio di Cittadella, la compagnia svizzera guidata da Corinne Rochet e Nicholas Pettit ambienta la sua nuova creazione che esplora il tema della
metamorfosi. Una coreografia grafica, molto prossima alle arti visive, dove corpi danzanti e carta entrano in relazione nella loro fragilità intrinseca. Un tuffo nel mondo fantastico di Ovidio alla ricerca di un legame tra le sue metamorfosi e le nostre leggende contemporanee. Scegliere la metamorfosi offre uno spazio di sogno, fuori dal tempo, e soddisfa il nostro bisogno di astrazione.

INFORMAZIONI

map

COLLECTIF UTILITE PUBLIQUE
Morphoses

21.08.2017

Palazzo Pretorio
Cittadella

Biglietteria Operaestate
Via Vendramini 35
tel. 0424 524214 – 0424 519811

ORE ore 19.00 e 21.00
INGRESSO €7.00 / €5.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
02.09.2017
+

DANCE RAIDS FELTRE

Coreografia e interpretazione
Corinne Rochet
Nicholas Pettit

 

Negli spazi suggestivi del Palazzo Pretorio di Cittadella, la compagnia svizzera guidata da Corinne Rochet e Nicholas Pettit ambienta la sua nuova creazione che esplora il tema della metamorfosi. Una piéce grafica, dove in scena sono protagonisti i due corpi dei danzatori e dei fogli di carta, e dove il movimento e la fragilità dei due elementi che entrano in relazione, danno vita ad uno spettacolo altamente poetico, intimo ed estetico allo stesso tempo. Un’immersione totale nel mondo fantastico di Ovidio, per indagare come la sua Metamorfosi possa trovare una eco nella nostra contemporaneità. Una composizione coreografica che, a partire da un ipnotico ritmo binario, sembra voler cullare dolcemente la società occidentale contemporanea. E quel ritmo è anche quello della danza in scena. I due interpreti cambiano, si evolvono, danno forma ad azioni riflesse che provano a riempire un’assenza. La trasformazione e il riciclaggio diventano così gesti quotidiani che si consumano per compensare le nostre carenze. Le metamorfosi di oggi si inseriscono in un contesto sociale in cui osserviamo un’irrefrenabile diminuzione del potere d’acquisto, un progressiv0 indebolimento morale, una costante instabilità climatica. Uscendo dall’aderenza alla realtà però, scegliere questo tema d’indagine offre al pubblico e agli interpreti uno spazio di sogno, fuori dal tempo, che soddisfa il nostro costante bisogno di evasione. Lo spettacolo mette in scena così una poetica della vita di tutti i giorni, dove la fantasia diventa la materia prima per le interazioni e dove il foglio di carta bianca una stessa metafora di trasformazione. Tra ripiegamenti e distorsioni, la coreografia riproduce tempi e sensazioni che appartengono ad ognuno di noi.

twitter