PROSSIMO SPETTACOLO:

Nora Chipaumire

sabato 30 marzo 2019

VISUALIZZA
tiepolo-palazzo-labia-the-meeting-of-anthony-and-cleopatra-detail1

EKFRASIS 3 – GIAMBATTISTA TIEPOLO E LA SERENISSIMA
Luca Scarlini / Alberto Mesirca

Nella chiesetta di San Bartolomeo, Luca Scarlini, in contrappunto con il mandolino di Alberto Mesirca, racconterà di Giambattista Tiepolo (1696-1770) tra i principali protagonisti dell’arte settecentesca.

Prima nazionale

con Luca Scarlini
accompagnato al mandolino da Alberto Mesirca
musiche di Antonio Vivaldi

INFORMAZIONI

map

EKFRASIS 3 – GIAMBATTISTA TIEPOLO E LA SERENISSIMA
Luca Scarlini / Alberto Mesirca

09.08.2018

Chiesetta di San Bartolomeo
Pove del Grappa

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35, Bassano del Grappa tel. 0424 524214 – 0424 519811 (chiusa da dicembre a maggio)
Ufficio Informazioni Operaestate 0424 519819

ORE 19.30
INGRESSO Intero €7.00 / Ridotto €5.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
10.08.2018
+

MIO EROE

Giambattista Tiepolo (1696-1770), tra i principali protagonisti dell’arte settecentesca europea, è stato l’ambasciatore del crepuscolo della Serenissima: i suoi cieli vaporosi hanno il sapore dei tramonti in laguna, quasi melodrammi visivi che richiamano un’aria di Galuppi o di Vivaldi. Il taglio di queste scene è teatralmente trionfale, ma non nasconde la vena di melanconia sotterranea che le pervade: una specie di nostalgia preventiva per una civiltà magnifica sul punto di estinguersi dopo glorie secolari. A lungo classificato come artista puramente celebrativo, visse una clamorosa riscoperta dopo la seconda metà del Novecento, suscitando la fantasia di scrittori pronti a trovare confronti visionari: Giovanni estori negli anni ’70, il poeta Derek Walcott ne Il Levriero di Tiepolo (2000), fino al recente Il rosa di Tiepolo di Roberto Calasso (2005). Come i pellegrini di un tempo, gli spettatori verranno accolti nella deliziosa Chiesetta di San Bartolomeo a Pove del Grappa, eretta oltre mille anni fa e da poco restituita la suo antico splendore. Qui, le parole di Luca Scarlini, in contrappunto con il mandolino di Alberto Mesirca e le melodie di Antonio Vivaldi, li conforteranno con il racconto del clamoroso successo dell’artista veneziano; punto di partenza, l’affresco di Antonio e Cleopatra a Palazzo Labia, testimonianza di uno stile grandioso che nasconde però, nel profondo, una sfumatura saturnina e mercuriale che verrà ereditata e compiutamente portata alla luce dal figlio e allievo Giandomenico.

twitter