PROSSIMO SPETTACOLO:

GIOVANNA GARZOTTO + REMO PERONATO

sabato 18 novembre 2017

VISUALIZZA
K3_20640_ok

GABRIELE VALERIO
90° residenza coreografica

Dal 3 al 9 novembre sarà in residenza al Garage Nardini Gabriele Valerio per la creazione di Triptych, che sarà presentato con uno sharing finale
lunedì 9 novembre alle 21.00.
Classe gratuita per danzatori sabato 7 novembre alle ore 15.00

INFORMAZIONI

map

GABRIELE VALERIO
90° residenza coreografica

09.11.2015

CSC Garage Nardini
Bassano del Grappa

ORE 21.00
INGRESSO libero

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
18.10.2015
+

KATERINA DIETZOVÁ

“Questo lavoro nasce dall’esigenza di esplorare il concetto di violenza, visto sia come istinto primordiale che nella sua accezione più sottile e sociologica. Ogni giorno scendiamo a patti tra i nostri istinti e i comportamenti socialmente accettabili, in una costante negoziazione tra ciò che può essere mostrato e ciò che deve essere nascosto, in una sorta di dicotomia umano-animale.
Con Tryptich cerco di sondare tutto quello che vive in questo sottile confine. Che succede se potessimo mostrare i nostri stati più osceni? Cosa succederebbe se dessimo libero sfogo ai nostri istinti?
Ho lavorato con un trio femminile, cosa che dà innumerevoli spunti a livello iconografico e di riferimento (tre erano le parche, le streghe di Machbet, tre erano le donne benedette di Dante e così via fino ad arrivare ad una cultura contemporanea e pop come quella dei gruppi musicali e personaggi di serie tv) per via del carattere “lunare” che (a torto o ragione) viene considerata insito nel genere femminile.
Ho voluto dare corpo a immagini ben vivide nella mia mente senza raccontare una storia, e dunque in un’atmosfera di costante tensione ma nonostante questo sospesa, mutevole e non leggibile univocamente, invitando il pubblico a lasciarsi prendere da suggestioni.
Tuttavia il carattere è ben preciso: le schizofrenie, gli isterismi, le psicopatologie quotidiane vengono sondate in questo lavoro; in particolare gli istinti primordiali del desiderio sessuale e della violenza, che a volte possono combaciare.
In Tryptich (studio) il movimento e dapprima contratto, represso, per poi emergere con una “sotteranea” tensione e pulsione che fuoriesce nella seconda parte, mai senza una vera e propria eplosione ma con piccoli picchi che vengono sempre riassorbiti, censurati, annullati.
Come metodo di lavoro ho utilizzato tasks improvvisativi ben precisi e ho poi composto tutto. In questa creazione non c’è nulla di realmente improvvisato da parte delle performers.”

Gabriele Valerio

 

Triptych (Studio)

Coreografia: Gabriele Valerio
Interpreti: Serena Malacco, Matilde Orrico, Alice Raffaelli
Musica: Flower di Liz Phair

twitter