PROSSIMO SPETTACOLO:

SINDRI RUNUDDE

lunedì 14 ottobre 2019

VISUALIZZA
s4

HOMOLOGIA
DispensaBarzotti

di Alessandra Ventrella
Riccardo Reina
Rocco Manfredi
con Riccardo Reina e Rocco Manfredi

regia Alessandra Ventrella

In collaborazione con UOT – Teatro alla Corte
Fotografie: Luigi Cozzolino

GENERAZIONE SCENARIO 2015

INFORMAZIONI

map

HOMOLOGIA
DispensaBarzotti

25.08.2015

Teatro Remondini
Bassano del Grappa

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35 tel. 0424 524214 – 0424 519811 www.operaestate.it

ORE 22.30
INGRESSO € 5.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
26.08.2015
+

FUORI DI SESTO

Teatro
26.08.2015
+

PISCI ' E PARANZA

Un eterno silenzio scandito dall’abitudine. Un anziano, solo, immerso nel vuoto, in perenne dormiveglia. Qualcosa, però, piomba giù dalla soffitta e risveglia questo corpo intorpidito. Un valzer. Un manichino impolverato che il vecchio tenta di rianimare. Uno spettacolo nello spettacolo, un uomo dentro un altro uomo. Il buio incombe e le ombre si moltiplicano, risucchiandoci nella terra umida e nera.

Benvenuti a Homologia.

Homologia è allo stesso tempo «studio dell’uomo» e  «studio di ciò che è identico», di ciò che si ripete uguale, del processo di omologazione.

Quale meccanismo rende gli individui così terribilmente uguali tra loro? Come è possibile che le azioni che abbiamo compiuto quotidianamente, in tutta una vita, non abbiano lasciato nessuna traccia? Tutto, di colpo, non conta più, la volontà sembra scomparire e come morti che respirano ci crogioliamo nel nostro sentirci inermi.

Homologia è una nostra personale costruzione, dove sono mescolati eventi realistici e fantastici e considerati reali gli eventi immaginari.

È una visione telescopica che procede in direzione dell’uomo cercando di mostrarne una radiografia dettagliata. È uno spazio della mente dove la potenza dell’immaginazione, quella «seconda vista capace di veder quello che non c’è», può darci un infinito piacere, o trascinarci nel baratro.

Con “Homologia” DispensaBarzotti intende esplorare i meccanismi della magia teatrale attraverso una ricerca che si interroga su come funziona l’attività percettiva e su che cos’è la percezione, l’illusione e l’incanto, la meraviglia e l’inganno.

ass.-scenario-logo

twitter