PROSSIMO SPETTACOLO:

LA CENERENTOLA, OSSIA LA BONTÀ IN TRIONFO

domenica 7 ottobre 2018

VISUALIZZA
vitaliano-trevisan

I CROLLI DI SHAKESPEARE
di Vitaliano Trevisan

Trio per voce, contrabbasso e percussioni Drammaturgia e voce Vitaliano Trevisan
Musiche Daniele Roccato, al contrabbasso e Michele Rabbia, alle percussioni.

Prima nazionale

Vitaliano Trevisan drammaturgia, voce
Daniele Roccato contrabbasso, elettronica
Michele Rabbia percussioni, elettronica
produzione Aldo Grompone, Operaestate Festival Veneto

INFORMAZIONI

map

I CROLLI DI SHAKESPEARE
di Vitaliano Trevisan

08.09.2018

Teatro Remondini
Bassano del Grappa

Acquista su Vivaticket

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35, Bassano del Grappa tel. 0424 524214 – 0424 519811 (chiusa da dicembre a maggio)

Ufficio Informazioni Operaestate 0424 519819

 

ORE 21.00
INGRESSO €15.00 intero/ €12.00 ridotto

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
20.08.2018
+

IL CALZOLAIO DI ULISSE - Oratorio

“Crollo” porta con sé l’idea dell’imprevedibile che si manifesta, la sorpresa – spesso amara – di qualcosa d’improvviso e puntuale; implica, anche, uno spaesamento di fronte al vuoto che prende il posto di quel che c’era e ora non c’è più. È diverso dal disfacimento, un processo lento che avviene sotto i nostri occhi: c’è il tempo di abituarsi alla fine che avanza e pianificare il da farsi quando avverrà l’inevitabile. Anche il crollo può essere preceduto da segnali, cui spesso, però, si dà un senso soltanto con il senno di poi; per questo, porta sempre con sé la sensazione di pericolo e di mancanza di controllo. In architettura si parla di crollo strutturale, ma se pensiamo agli esseri umani, non sono forse anche loro strutture, costruzioni, materia tenuta insieme da un progetto o disegno?
I crolli di Shakespeare, riguardano i suoi personaggi più celebri e costruiti. Macbeth, determinato; Otello, disciplinato; Riccardo III, cinico: tutti arrivano al punto di rottura, con un intensificarsi, per chi guarda, della vertigine e del pericolo. Perché quello di un personaggio teatrale è un crollo alla seconda: dell’essere umano reale che l’illusione, con la nostra complicità, ha creato e del personaggio di finzione, di conseguenza il crollo della finzione stessa. E allora, ci troveremo di fronte il drammaturgo stesso, burattinaio che manovra l’intera macchina teatrale? O il crollo si trascinerà dietro anche lui, lasciando solo frammenti e macerie da cui far partire la ricostruzione?
Di e con Vitaliano Trevisan, uno dei nostri più originali drammaturghi, in Prima Nazionale ad Operaestate.

Per l’occasione, Vitaliano Trevisan, Michele Rabbia e Daniele Roccato terranno, rispettivamente, un workshop di scrittura drammaturgica e uno di improvvisazione musicale. Tutti i dettagli qui. 

twitter