PROSSIMO SPETTACOLO:

T.H.E. DANCE COMPANY

giovedì 27 giugno 2019

VISUALIZZA
Marta Cuscunà-2

IL CANTO DELLA CADUTA
Marta Cuscunà

In scena insieme a quattro corvi meccanici, Marta Cuscunà ricrea un’antica tradizione popolare ladina: il mito di Fanes. Di come un pacifico regno sia stato spazzato via da un’epoca di violenza.

INFORMAZIONI

map

IL CANTO DELLA CADUTA
Marta Cuscunà

08.08.2019

Teatro Remondini
Bassano del Grappa

Acquista su Vivaticket

ORE 21.00
INGRESSO intero € 15 ridotto € 12

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
10.08.2019
+

COME SE IN ACQUA STATA NON FOSSE

Liberamente ispirato al mito del regno di Fanes
con libere citazioni da Riane Eisler, Carol Gilligan, Ulrike Kindle, Giuliana Musso, Heinrich von Kleist, Christa Wolff
di e con Marta Cuscunà
progettazione e realizzazione animatronica Paola Villani
assistente alla regia Marco Rogante
co-produzione Centrale Fies, CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile di Torino, São Luiz Teatro Municipal | Lisbona
in collaborazione con Teatro Stabile di Bolzano, A Tarumba Teatro de Marionetas | Lisbona

Il mito di Fanes è un’antica tradizione popolare dei Ladini, piccola minoranza etnica delle valli centrali delle Dolomiti. Racconta della fine del regno pacifico delle donne e dell’inizio di un’epoca di violenza e sopraffazione, contrassegnata dal dominio maschile sulle ricchezze, sulle terre, sulle donne e sugli altri popoli. È il canto nero della caduta nell’orrore della guerra. Ma davvero solo un mito? Studiose come l’archeologa Marija Gimbutas e l’antropologa Riane Eisler hanno teorizzato che nel neolitico, l’Europa fosse abitata da società prevalentemente egualitarie e pacifiche, in cui il femminile era centrale nella visione del sacro e nella struttura sociale. Quattro corvi meccanici e due piccoli Fanes ispirati alla street art di Herakut sono i nuovi compagni di scena della straordinaria Marta Cuscunà in questo suo nuovo viaggio di resistenza.

 

 

twitter