PROSSIMO SPETTACOLO:

DEMONSTRATE RESTRAINT

sabato 24 agosto 2019

VISUALIZZA
Jason Hu piano

JASON HU
Campus delle Arti Premio del pubblico 2018

Il vincitore del Premio “Campus delle Arti 2018” è il giovanissimo pianista cinese Jason Hu, classe 2002. Per il concerto inaugurale del Campus, eseguirà musiche di Bach, Chopin e Prokof’ev.

INFORMAZIONI

map

JASON HU
Campus delle Arti Premio del pubblico 2018

26.07.2019

Chiostro del Museo Civico
Bassano del Grappa

In caso di maltempo: Sala Ottagono del Museo Civico

ORE 21.20
INGRESSO unico € 5

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Musica
29.07.2019
+

ARTURO TALLINI/ SANNA VAARNI

Johann Sebastian Bach
dal Clavicembalo ben temperato, Libro I
Preludio in Mi bemolle minore e fuga a 3
voci in Re diesis minore, BWV 853

Fryderyk Chopin
Studio n. 1, op. 10, in do maggiore
Notturno n. 2, op. 27 in re bemolle maggiore
Studio n. 8, op. 10 in fa maggiore
Ballata n. 2, op. 38 in fa maggiore

Sergej Prokof’ev
Sonata n. 3, op. 28 in la minore
Allegro molto sostenuto
Andante assai
Allegro con brio, ma non leggero

Fryderyk Chopin
Polacca in la bemolle maggiore, op. 53
(“Eroica”)

Il vincitore del Premio “Campus delle Arti” edizione 2018 è il giovanissimo pianista Jason Hu, classe 2002. Dal 2009 studia all’Espoo Music Institute (Finlandia), come allievo di Sanna Vaarni. È stato premiato in numerosi concorsi internazionali, tra cui il Concorso pianistico di Tapiola 2015 e 2018, il Concorso pianistico Leevi Madetoja 2015, Steinway Piano Competition 2015, Tallinn Young Musician Piano Competition 2011 e Premio Veliky Novgorod al Concorso Rachmaninov 2014. Grazie al Premio Campus delle Arti 2018, è stato impegnato in un tour con numerosi concerti premio e una registrazione discografica professionale con l’etichetta Musikstrasse di Roma.
Jason Hu eseguirà dal Clavicembalo ben temperato di Bach, il Preludio e fuga BWV 853, capolavoro di una purezza lineare inarrivabile il primo, pagina profondamente espressiva e nel contempo assai complessa la seconda.
Di Chopin, gli Studi n. 1 e n. 8, op. 10,: ambientato nella solare tonalità di do maggiore il primo, notevolmente affine al primo dei Capricci paganiniani, cui si ispira, mentre nel n. 8 l’arpeggio è uno scintillante baluginìo sonoro. Sempre di Chopin la Ballata n. 2, op. 38 e il Notturno n. 2, op. 27: limpido e quieto, ispiratore di un senso di calma e di serenità. Con la famosa Polacca in la bemolle op. 53, del 1842, ritorna l’incandescente ispirazione epica in una straordinaria virtuosità di scrittura quasi beethoveniana.. Infine di Sergej Prokof’ev: la Sonata n. 3, op. 28 che colpisce per l’unità di pensiero, la violenza degli sviluppi e l’energia del temperamento che vi si manifesta.

LOGO Amici del Campus

twitter