PROSSIMO SPETTACOLO:

Giornata Nazionale Parkinson 2019: workshop con Marigia Maggipinto

domenica 24 novembre 2019

VISUALIZZA
large (6)

LA BAMBINA DEI FIAMMIFERI
Societas Raffaello Sanzio / Chiara Guidi

Le sperimentazioni sonore e visive di Chiara Guidi vivono di buio e di luce.
Per la prima volta il festival ospita la più importante realtà italiana nella scena teatrale di ricerca.

INFORMAZIONI

map

LA BAMBINA DEI FIAMMIFERI
Societas Raffaello Sanzio / Chiara Guidi

15.07.2013

Teatro Remondini
Bassano del Grappa

ORE 21.15
INGRESSO € 5,00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Minifest
24.07.2013
+

CAPPUCCETTO ROSSO

Minifest
07.08.2013
+

CENERENTOLA (di Joël Pommerat)

Evento promosso da:

>clicca per visualizzare gli sponsor<

La storia immortale della bambina dei fiammiferi, creata da Hans Christian Andersen, è anche una storia di percezioni visive e sonore, di luci improvvise e di suoni attraenti, di fantasie che nascono e si possono alimentare una dopo l’altra, con cui si ritrova un mondo che sembrava perduto. Nella riscrittura di
Chiara Guidi, con le musiche dal vivo di Fabrizio Ottaviucci, è una graduale sinfonia di luci e una musica che prende per mano e coinvolge lo spettatore. Perché la luce di un fiammifero va colta in fretta. Al suo bagliore si percepisce un particolare che vibra, una nota che suona, ma si spegne subito. E si tenta
con un altro fiammifero, perché non si può fare a meno di mettersi alla ricerca di ciò che si è intravisto. Una dopo l`altra le piccole fiamme aggiungono particolari e suoni ad un mondo nel quale la bambina può entrare e ritrovare ciò che aveva perduto. Non è una favola triste, perché nel silenzio della notte le
piccole luci si assommano e le note isolate diventano una musica in grado di prendere in braccio con passione la bambina e condurla verso quanto aveva immaginato e desiderato.

Chiara Guidi sviluppa una personale ricerca sulla voce come chiave drammaturgica nel dischiudere suono e senso di un testo, ma anche come corpo, azione, disegno, nell’ascolto della sua grana. E nella costruzione, attraverso essa, di un tempo e di uno spazio, rivolgendo la propria tecnica vocale sia a produzioni per un pubblico adulto, sia elaborando una specifica
concezione di teatro per l’infanzia. E’ il caso di “Buchettino” (1995), portato in tutto il Mondo, e di “Bestione” (2010). Nel 2011 inaugura “Puerilia”, festival di puericultura teatrale.

uno spettacolo liberamente tratto da H.C. Andersen
ideato e diretto da
Chiara Guidi
composizione ed esecuzione musicale
Fabrizio Ottaviucci
con
Lucia Trasforini

twitter