PROSSIMO SPETTACOLO:

Giornata Nazionale Parkinson 2019: workshop con Marigia Maggipinto

domenica 24 novembre 2019

VISUALIZZA
la_veronal21-790x490

SIENA
La Veronal

Architettura e danza incontrano la grande tradizione pittorica.

INFORMAZIONI

map

SIENA
La Veronal

13.07.2013

Le Bolle Nardini
Bassano del Grappa

Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35 tel. 0424 524214 – 0424 519811 www.operaestate.it

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

ORE 21.20
INGRESSO € 20,00 - € 17,00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
24.08.2013
+

FORMES CHANGED INTO NEW BODIES

Danza
24.08.2013
+

LAST DAY OF ALL

Sesto capitolo di una serie di 10 che collega la danza alla geo-grafia, “Siena” è un’esplorazione della storia dell’arte italiana, in un viaggio che inizia nel Rinascimento, quando l’umanità ha ritrovato la consapevolezza di sé, e finisce in un oggi dove l’individuo si confonde nella massa. “Siena” è la necessità costante e assoluta dell’uomo di contemplare se stesso, è la volontà di osservarlo per sempre fino a quando il tutto si confonde. 7 danzatori di eccezionale bravura danno corpo a una versione site specific della nuova creazione di Marcos Morau, talentuoso coreografo spagnolo pluripremiato
con gli altri capitoli di questo singolare viaggio danzato intorno al mondo. Ma perché una compagnia spagnola sceglie di intitolare il proprio spettacolo con il nome di una delle più belle città italiane? Che di mezzo ci sia il patrimonio storico e artistico che contraddistingue la nostra nazione è chiaro sin da subito. Ma c’è dell’altro: una concezione dell’essere umano che affonda le sue radici nel Rinascimento – un periodo storico in cui l’uomo riacquisisce consapevolezza di se stesso – per estendere i suoi rami fino alla contemporaneità. Nella distilleria Nardini, trasformata per l’occasione in spazio dedicato allo sguardo, il corpo umano diventa connessione tra passato e futuro.
“Siena” è il racconto della bellezza e della miseria umana attraverso un esercizio di descrizione verbale (ekphrasis) di ciò che vediamo o immaginiamo; è un viaggio che trae ispirazione da differenti discipline artistiche (il cinema, la letteratura, l’arte), per condurre in un luogo intimo e caloroso, che scava nella complessità dell’organismo sociale per mostrare l’invisibile dietro ciò che è palpabile visualmente.

direzione
Marcos Morau
coreografia
Marcos Morau
in collaborazione con gli artisti performer
Lorena Nogal
Anna Hierro, Ariadna Montfort
Laia Duran, Clyde Archer
Sau-Ching Wong, Inma Asensio
aiuto regista
Tanya Beyeler
testo e drammaturgia
Paul Gisbert – El conde de Torrefiel
lighting design
Enric Planas
fotografia
Edu Perez
co-produzione Mercat de les Flors di Barcelona e Hellerau, Dresda (Germania). In collaborazione con Modul-Dance, Centro de Artes Performativas di Algarve,
Faro (Portogallo), Duncan Dance Center, Atene (Grecia) e Dance Ireland, Dublino (Irlanda).

La Veronal è un artista Modul Dance
Modul Dance Logo

twitter