PROSSIMO SPETTACOLO:

GIOVANNA GARZOTTO + REMO PERONATO

sabato 18 novembre 2017

VISUALIZZA
Rame

LARA RUSSO
108° residenza coreografica

Dal 30 maggio al 5 giugno sarà in residenza Lara Russo al Garage Nardini per la creazione di Rame, che sarà presentato con uno sharing finale domenica 5 giugno alle ore 15.00.

INFORMAZIONI

map

LARA RUSSO
108° residenza coreografica

05.06.2016

CSC Garage Nardini
Bassano del Grappa

ORE 15.00
INGRESSO LIBERO

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
12.06.2016
+

DD DORVILLIER

Danza
15.06.2016
+

JASNA LAYES VINOVRŠKI - Cie Public in Private

Video Intervista

RAME
Cercare coraggio/proteggere innocenza

La scena è abitata da tre performer uomini.
Ad ognuno è affidata un’asta di rame.
Un materiale resistente, freddo al tatto e apparentemente privo di vita, si mostra nelle sue possibilità di essere agito.
Così attraverso la caduta, la sospensione e l’assemblaggio di questi tre elementi, lo spazio muta insieme ai suoi corpi costantemente alla ricerca di nuove strategie di collaborazione.
“Cosa costruire?”è una domanda insita nella danza stessa e il
desiderio che ne anima la ricerca.
Può rivelarsi la più grande conquista o il più grande fallimento; costruire diventa pretesto per i tre di avvicinarsi a un dialogo fatto di responsabilità e accoglienza.
La tattilità permette esitazioni e tregue in cui incontrare un paesaggio e viverlo.
Dopo la esperienza di Allumin-io, spettacolo vincitore del premio
GD’A, Giovani Danz’autori, 2013, continuo a interrogarmi sulla convivialità della materia e l’umano, nella solitudine e in comunione, sulle potenzialità e la poetica della intelligenza collettiva.
La collaborazione con l’artista francese Mahatsanga Le Dantec, è un’occasione di ricerca sulle geometrie corporee, le possibilità materiche e sonore, verso una visione della scena in sospeso tra archetipi e nuove identità.

Lo studio prevede una pratica, per approfondire la confidenza corporea con il materiale e scoprirne le sue capacità sonore, di movimento e di riflessione luminosa.
Il movimento avviene, quindi, da un accomodamento dei corpi sulle necessità dell’elemento materico che ritrasmette a sua volta una sua vita e un suo potenziale.

“È di nuovi prototipi che voglio parlare.
Parlo di modelli maschili capaci di connettere essenza ancestrale e sperimentazione avanzata, forza biologica e sensibiità globale.
Modelli maschili in grado di esprimere ed evidenziare una nuova spinta antropologica.”
Franco Bolelli

Coreografia Lara Russo
con Davide Tagliavini e Andrea Palumbo
Sound and Technique Mahatsanga Le Dantec
Collaborazione di Yesenia Trobbiani
Spettacolo vincitore della piattaforma DNA Appunti Coreografici organizzato da Romaeuropa Festival
Con il sostegno di:
Promozione Danza della Fondazione Romaeuropa,
CSC Centro per la Scena Contemporanea Bassano del Grappa, L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino,
Compagnia Virgilio Sieni/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza di Firenze,
Gender Bender di Bologna,
Uovo Festival di Milano.

twitter