PROSSIMO SPETTACOLO:

GIOVANNA GARZOTTO + REMO PERONATO

sabato 18 novembre 2017

VISUALIZZA
Mey ling Bisogno Shadow-Run

MEY-LING BISOGNO
131^ residenza coreografica

Mey-Ling Bisogno sarà a Bassano dal 24 maggio al 4 giugno per lavorare alla creazione “When a dream dies, a lot of blood flows..." che presenterà in forma di sharing domenica 4 giugno alle ore 21.00 al Garage Nardini. Ingresso libero.

Mey-Ling condurrà anche un workshop sabato 27 maggio alle ore 15.00 presso il Garage Nardini. La partecipazione è gratuita

INFORMAZIONI

map

MEY-LING BISOGNO
131^ residenza coreografica

04.06.2017

CSC Garage Nardini
Bassano del Grappa

ORE 21.00
INGRESSO ingresso libero

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
23.05.2017
+

CHIARA BERSANI + MARCO D'AGOSTIN

Mey-Ling Bisogno arriva in residenza al CSC dal 24 maggio al 4 giugno per continuare la sua ricerca del suo lavoro  When a dream dies, a lot of blood flows…
“In questo lavoro invitiamo il pubblico ad approfondire le pieghe della suspance scenica.
Con uno stile che ricorda quello dei film classici, con l’uso di movimenti lenti, atmosfere drammatiche, oniriche, salta nel tempo e fuori dal campo … la suspense è costruita come una procedura estetica e narrativa.

Due personaggi, le loro azioni e il loro modo di relazionarsi tra di loro provocano nel pubblico un crescente senso di incertezza e di anticipazione. Non è una questione di sorprendere lo spettatore nel modo più tradizionale, ma piuttosto suggerire loro il possesso di una conoscenza del fatto narrativo che non è nelle loro mani né nelle mani dei personaggi. La tensione segnata da quella conoscenza, quella informazione, aumenterà il desiderio di corroborazione, vale a dire, che l’ansia che ciò che invoca nei loro pensieri è concretizzata nelle azioni dei personaggi, che il risultato delle loro ipotesi per così dire, può essere corroborato …
Sarà un lavoro singolare per molti fattori, ma forse il più evidente è la simbiosi del cinema estetico, teatrale e di danza, non solo per il suo risultato finale, ma anche per la sua intenzionalità espressa.”

twitter