PROSSIMO SPETTACOLO:

SARA PISCHEDDA

lunedì 9 dicembre 2019

VISUALIZZA
card migrant.p000.1A.CMYK

MIGRANT BODIES – MOVING BORDERS
Andrea Rampazzo/ Beatrice Bresolin

Prima nazionale
Migrant Bodies – moving borders, progetto europeo sostenuto dal programma Creative Europe, si conclude con un simposio internazionale e la presentazione di lavori creati durante i due anni di progetto.

INFORMAZIONI

map

MIGRANT BODIES – MOVING BORDERS
Andrea Rampazzo/ Beatrice Bresolin

13.07.2019

CSC Garage Nardini
Bassano del Grappa

ORE 18.00
INGRESSO € 3

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Danza
12.07.2019
+

MIGRANT BODIES - MOVING BORDERS

JUST PAPERS
Concept Andrea Rampazzo
con Selemawit Biruk, Abdi Buule Mahamed, Vittoria Caneva, Precious Igbineweka, Ilaria Marcolin, Lamin Suno
Supporto al processo Anna Bragagnolo

IO E L(‘)ORO_DONNE ALLA RICERCA
DELL’ORO
Creazione Beatrice Bresolin

Migrant Bodies-Moving Borders, è un progetto promosso da: CSC Centro per la Scena Contemporanea – Comune di Bassano del Grappa, La Briqueterie – Centre de développe-ment chorégraphique du Val de Marne (Francia), HIPP The Croatian Institute for Dance and Movement (Croazia), D.ID Dance Identity (Austria) con il sostegno del programma Creative Europe dell’Unione Europea.

Prima Nazionale

Investiga la danza contemporanea come diritto dell’umanità, come arte inclusiva e di coesioneculturale e sociale. Il proggetto si chiude con due giorni di classi e pratiche artistiche aperte a tutti, proiezioni del film dedicato al progetto, dialoghi con i partner, installazioni artistiche e performance.
Per l’occasione, Beatrice Bresolin presenta Io e l(‘)oro_donne alla ricerca dell’oro, una creazione ispirata ad un suo assolo, rielaborato attraverso un laboratorio aperto a donne con e senza esperienza di danza, coinvolte in un percorso sull’identità e la bellezza, diverse culture e iconografie femminili.
Andrea Rampazzo presenta invece un atto performativo – Just Papers – sviluppato durante una serie di incontri al CSC di Bassano. L’esistenza, non solo la creazione, di Just Papers è affidata a una piccola comunità che si mette in gioco per esplorare un equilibrio delicato e in costante mutamento, tra dialogo, sostegno, collaborazione e persistenza. Mediatori dell’incontro, un cumulo di fogli, per realizzare qualcosa di splendido e unico ma anche fragile ed effimero.

 

migrant-bodies-moving-borders

Europa creativa

«Questo programma di lavoro è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea. La presente comunicazione riflette soltanto le opinioni dell’autore e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per qualsiasi uso che possa essere fatto delle informazioni contenute»

twitter