PROSSIMO SPETTACOLO:

L’UOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI

venerdì 17 agosto 2018

VISUALIZZA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

MIO EROE
Giuliana Musso

Giuliana Musso, artista lieve e intensa come pochi, in “Mio Eroe”, ispirato alla biografia di alcuni fra i 53 militari italiani caduti in Afghanistan.

regia Giuliana Musso
collaborazione alla drammaturgia Alberto Rizzi
scene e assistenza Tiziana De Mario
musiche eseguite da Andrea Musto
direzione tecnica Claudio “Poldo” Parrino
organizzazione Miriam Paschini
produzione La Corte Ospitale

INFORMAZIONI

map

MIO EROE
Giuliana Musso

10.08.2018

Villa Imperiale
Galliera Veneta

Acquista su Vivaticket
Biglietteria Operaestate Via Vendramini 35, Bassano del Grappa tel. 0424 524214 – 0424 519811
Ufficio Informazioni Operaestate 0424 519819

ORE 21.00
INGRESSO Intero €10.00 / Ridotto € 8.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
11.08.2018
+

ANIME DISPERSE - L'ODISSEA DEL PROFUGATO

Giuliana Musso è interprete sensibile e diretta: basta assistereb a uno dei suoi spettacoli per rendersene conto; ma prima ancora di andare in scena, l’artista vicentina, premio Hystrio alla drammaturgia, è una scrupolosa ricercatrice, un’osservatrice attenta della realtà contemporanea e delle sue idiosincrasie. I suoi testi colgono il segno perché, pur trasmessi attraverso il canale irrazionale delle emozioni più autentiche, poggiano saldamente su questo suo lavoro scientifico di indagine: il coinvolgimento è insieme intimo e civile, privato e pubblico. Teatro d’inchiesta e questioni universali viaggiano a braccetto anche in Mio Eroe, premio CassinoOff 2017. Nel corso della missione ISAF in Afghanistan (2001-2014) persero la vita 53 militari italiani e lo spettacolo riporta in vita frammenti di esistenza di alcuni di loro, attraverso le voci delle rispettive madri; sembra impossibile affrontare un tema come questo senza cadere nella tentazione della commozione facile, eppure Musso riesce a non perdere mai la lucidità necessaria per arrivare al punto. I feretri, le bandiere, le cerimonie patriottiche qui non hanno alcun potere, sono queste voci che sussurrano, gridano, implorano, ridono le vere protagoniste; e attraverso i ricordi più intimi e personali incalzano concetti astratti come Guerra, Patria, Eroismo, il loro significato e il loro utilizzo. Uno spettacolo che arriva dritto al cuore, lasciandolo turbato, divertito, indignato ma mai indifferente; l’indifferenza dello spettatore, quando lascia la sala, è probabilmente la più grande sconfitta del teatro.

twitter