PROSSIMO SPETTACOLO:

JENNY BEYER

giovedì 8 novembre 2018

VISUALIZZA
Nettles_postcard

NETTLES
Trickster_P - Svizzera

Un percorso fisico che porta ad immergersi nella dimensione immaginifica ed evocativa dello scorrere del tempo, in un viaggio che rimanda all’infanzia, in tutta la sua ambivalenza.

Concetto e realizzazione: Cristina Galbiati & Ilija Luginbühl. Dramaturg: Simona Gonella. Collaborazione artistica: Yves Regenass, Mamoru Iriguchi. Spazio sonoro: Zeno Gabaglio. Editing and mixing: Lara Persia - Lemura Recording Studio. Produzione: Trickster-p, LuganoInScena.
In co-produzione con Teatro Sociale Bellinzona, Theater Chur, ROXY Birsfelden, TAK Theater Liechtenstein, FOG Triennale Milano Performing Arts. Con il sostegno di: Fachausschuss Tanz & Theater BS/ BL, Percento culturale Migros, Göhner Stiftung, Landis & Gyr Stiftung, Fondazione Winterhalter. Per il triennio 2018-2020 Trickster-p è beneficiario di una convenzione di sostegno congiunto tra Pro Helvetia - Fondazione svizzera per la cultura, DECS Repubblica e Cantone Ticino - Fondo Swisslos e Municipio di Novazzano

INFORMAZIONI

map

NETTLES
Trickster_P - Svizzera

31.08.2018

Palestra Vittorelli
Bassano del Grappa

Biglietteria Operaestate
Via Vendramini 35
tel. 0424 524214 – 0424 519811

ORE dalle 17.00 alle 20.00 (per uno spettatore alla volta)
INGRESSO €5.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
31.08.2018
+

GIUDIZI UNIVERSALI: ACQUA A NORD-OVEST

La nuova creazione degli svizzeri Trickster-p, è un percorso fisico che porta ad immergersi nella dimensione immaginifica ed evocativa dello scorrere del tempo. Non ci sono attori e performer, tutte le azioni sono generate dallo spazio, dagli oggetti che lo abitano, dal suono, dalla luce e dalle parole. Lo spettatore diventa testimone di quanto accade, in un viaggio che rimanda all’infanzia, in tutta la sua ambivalenza.

NETTLES, the Swiss company’s Trickster-p new production is a physical path which leads into the imaginary and evocative dimension of the passing of time. There aren’t either actors or performers; each action is generated by the surrounding space, by objects, by sounds, by light and words. The audience becomes witness of what happens during this journey back to an ambivalent childhood.

prohelvetia

twitter