PROSSIMO SPETTACOLO:

Giornata Nazionale Parkinson 2019: workshop con Marigia Maggipinto

domenica 24 novembre 2019

VISUALIZZA
Udine, 31/10/2015 - Teatro Palamostre - Non c'è acqua più fresca - uno spettacolo di Giuseppe Battiston - drammaturgia Renata M. Molinari - regia e spazio scenico Alfonso Santagata - interpreti Giuseppe Battiston e Piero Sidoti - disegno luci Andrea Violato - canzoni e musiche originali dal vivo Piero Sidoti - produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG	- Foto Luca d'Agostino/Phocus Agency © 2015

NON C’E’ ACQUA PIU’ FRESCA
Giuseppe Battiston

uno spettacolo di Giuseppe Battiston
drammaturgia Renata M. Molinari
musiche originali e dal vivo Piero Sidoti
regia e spazio scenico Alfonso Santagata
una produzione CSS









INFORMAZIONI

map

NON C’E’ ACQUA PIU’ FRESCA
Giuseppe Battiston

26.04.2016

Teatro Remondini
Bassano del Grappa

La prevendita dei biglietti avrà luogo presso l’Ufficio IAT – Informazioni e Accoglienza Turistica in Piazza Garibaldi (ingresso Museo Civico) dal lunedì alla domenica dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle ore 14,00 alle 18,00.

INFO UFFICIO IAT 0424 519917
INFO UFFICIO SPETTACOLO 0424 519819

ORE ore 21.00
INGRESSO Platea intero 25.00 ridotto 22.00 Galleria intero 16.00 ridotto 14.00

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Cinema
12.07.2013
+

PINOCCHIO

Giuseppe Battiston porta in teatro le splendide poesie in friulano di Pierpaolo Pasolini, per commemorare i 40 anni dalla morte del grande scrittore. Sono parole che evocano una terra di primule e temporali, di feste e sagre paesane, di vento, di corse in bicicletta a perdifiato, dell’avvicendarsi delle stagioni nel lavoro dei contadini. Di colori, suoni e profumi. Di quello che fu la guerra e di ciò che avvenne dopo e dopo ancora… Alle poesie Battiston abbina ricordi legati alla sua storia personale, perché la poesia, una tra le più alte forme d’arte, non è scissa dalla vita, ma è lì che nasce e risiede. Forse non tutte le parole saranno comprensibili, ma Pasolini sosteneva che quando il dialetto viene utilizzato per esprimere sentimenti alti si fa lingua, e con i suoi suoni ci entra nell’ anima e ci porta altrove.

twitter