PROSSIMO SPETTACOLO:

T.H.E. DANCE COMPANY

giovedì 27 giugno 2019

VISUALIZZA
opv-300x291

OPV ALL’OPERA da Il Flauto Magico, Don Giovanni, Carmen
Orchestra di Piazza Vittorio

Provengono da dieci paesi diversi e trasformano le loro variegate radici in musica. Qui in quella delle opere che OPV ha reinterpretato e fatto sue: Flauto Magico, Don Giovanni e Carmen. 

INFORMAZIONI

map

OPV ALL’OPERA da Il Flauto Magico, Don Giovanni, Carmen
Orchestra di Piazza Vittorio

11.08.2019

Teatro al Castello "Tito Gobbi"
Bassano del Grappa

Acquista su Vivaticket

ORE 21.00
INGRESSO intero € 15 ridotto € 12

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
14.08.2019
+

E TORNEREM A BAITA Omaggio alle Dolomiti

Da Il Flauto Magico, Don Giovanni, Carmen

Nell’Ottocento i musicisti di strada rappresentavano le arie più celebri per il pubblico che non poteva permettersi il biglietto del teatro. Un modo essenziale di presentare le opere dei grandi compositori riportando alle sue origini un’arte, quella operistica, la cui vocazione si era persa traducendosi in musica d’élite. Il suono dei musicisti delle metropoli contemporanee rappresenta quello che la società di oggi è: una sublime commistione di culture. E allora è facile immaginare che, se quei musicisti di strada del XIX secolo avessero avuto nelle loro mani strumenti appartenenti a tutte le culture del mondo, ci saremmo trovati davanti proprio all’Orchestra di Piazza Vittorio che suona l’Opera! Questo concerto proporrà le arie tratte dalle opere che negli ultimi dieci anni di attività l’OPV ha elaborato e reinterpretato: Il Flauto Magico e il Don Giovanni di Mozart, la Carmen di Bizet, ma sarà occasione di portare sul palco un altro modo di rileggere anche autori “nuovi” per per l’OPV, come Giuseppe Verdi e Kurt Weill.
Musicisti che provengono da dieci paesi e parlano nove lingue diverse. Insieme, trasformano le loro variegate radici e culture in una lingua singola, la musica. Questa è l’Orchestra di Piazza Vittorio. Tra musicisti che partono e altri che arrivano, cambia il suono dell’orchestra senza mai tradire la vocazione iniziale: una fusione di culture e tradizioni, memorie, sonorità antiche e nuove, strumenti sconosciuti, melodie universali, voci dal mondo.

Una produzione VAGABUNDOS/TEATRO BELLINI/ISOLA DI LEGNO

twitter