PROSSIMO SPETTACOLO:

Giornata Nazionale Parkinson 2019: workshop con Marigia Maggipinto

domenica 24 novembre 2019

VISUALIZZA
intimità

SELEZIONE PREMIO SCENARIO 2019
Premio Scenario 2019

Torna il tradizionale appuntamento con i quattro progetti emersi al Premio Scenario 2019, la rete nata per intercettare il meglio della nuova scena italiana.

INFORMAZIONI

map

SELEZIONE PREMIO SCENARIO 2019
Premio Scenario 2019

29.08.2019

Teatro Remondini
Bassano del Grappa

ORE 20.30
INGRESSO € 5

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
29.08.2019
+

NOTTE

“Una Vera Tragedia”
di Riccardo Favaro
un progetto di Alessandro Bandini, Riccardo Favaro
con Alessandro Bandini, Alfonso De Vreese, Edoardo Sorgente, Petra Valentini
scene Giorgio Morandi, Marta Solari

“Il Colloquio*”
Collettivo Lunazione
con Renato Bisogni, Alessandro Errico, Marco Montecatino
progetto e regia Eduardo Di Pietro

“Bob Rapsodhy”
attrice, autrice, regista Carolina Cametti
light design Giacomo Marettelli Priorelli
sound design Gianfranco Turco

“Mezzo Chilo”
regia, testo e interpretazione Serena Guardone
tecnico audio Vittorio Vitiello
tecnico luci Francesco Lari

 

Torna il tradizionale appuntamento con gli artisti emergenti del teatro italiano selezionati dal Premio Scenario, la rete nata per intercettare il meglio della nuova scena italiana.
Vincitore del Premio Scenario 2019 è Una Vera Tragedia di Favaro/Bandini: uno spettacolo che ricostruisce una tragedia famigliare, e smaschera le contraddizioni del teatro borghese, attraverso un mistero irrisolto e un furto d’identità.
Vincitore del Premio Scenario Periferie 2019 è Il Colloquio* di Collettivo Lunazione: un lavoro ispirato al sistema di ammissione ai colloqui periodici presso il carcere di Poggioreale, a Napoli. Tre donne attendono l’inizio degli incontri con i detenuti: dai loro scontri e avvicinamenti, emerge la brutalità di una realtà quasi invisibile.
Due le segnalazioni speciali 2019: Bob Rapsodhy di Carolina Cametti e Mezzo Chilo di Serena Guardone. Il primo, Bob Rapsodhy, è un “flusso di coscienza” ironico e tagliente, una dichiarazione d’amore, solitudine e speranza di un mondo che vede i social invadere la vita e le relazioni, e che si chiede fino a che punto stiano influenzando le vite di ciascuno.
Il secondo è un diario privato trasformato in discorso pubblico, è la storia di un Disturbo del Comportamento Alimentare che diventa narrazione civile: Mezzo Chilo nasce nella convinzione che non esista storia personale che non sia anche storia collettiva, e che sia urgente uscire dal senso di vergogna che nasconde la malattia dietro narrazioni fin troppo educate.

 

twitter