PROSSIMO SPETTACOLO:

NOTES ON FRAILTY

giovedì 18 luglio 2019

VISUALIZZA
Marco-Baliani-495x400

UNA NOTTE SBAGLIATA
Marco Baliani

È una “notte sbagliata” quella raccontata da Marco Baliani in questa sua nuovissima “post-narrazione” dove, con piccoli gesti, diventa tutti personaggi della storia.

INFORMAZIONI

map

UNA NOTTE SBAGLIATA
Marco Baliani

19.07.2019

Teatro al Castello "Tito Gobbi"
Bassano del Grappa

Acquista su Vivaticket

ORE 21.20
INGRESSO intero € 15 ridotto € 12

CI SARO'

Print Friendly
SCARICA EVENTO

EVENTI CORRELATI

related
Teatro
23.07.2019
+

LA SCIMMIA

Di e con Marco Baliani
regia Maria Maglietta
scene e luci Lucio Diana
musiche Mirto Baliani
produzione Marche Teatro

Dopo il successo dello spettacolo Trincea, Baliani sperimenta un’altra tappa di ricerca di quello che chiama “teatro di post-narrazione”.Una narrazione dove il linguaggio orale del racconto non riesce più a dispiegarsi in un andamento lineare, ma si frantuma, produce loop verbali in cui il Tempo oscilla, senza obbligati nessi temporali. Flussi di parole che prendono strade divaricanti mentre cercano disperatamente di circoscrivere l’accadimento di quella “notte sbagliata”..
Una notte in cui Tano, l’uomo della nostra storia, prima che tutto avvenisse, aveva avvertito qualcosa. Sul punto di uscire di casa, qualcosa come un brivido lo aveva attraversato, il passo si era fatto incerto, aveva esitato, ma poi il cane lo aveva guardato in quel modo così umano, piegando la testa di lato, con quel guaito debole che era una precisa richiesta, e lui allora, non aveva potuto rifiutare, era uscito.
Lì, tra i casermoni scuri, slabbrati dal tempo della periferia dove la storia accade, è più facile che le Assurdità del mondo si diano convegno e agiscano. In quei luoghi alberga l’impotenza, la frustrazione di chi è costretto a immaginare mondi che non possiederà mai. Che appartengono a quelli che non abitano lì, a quelli che se escono, di notte, a portare il cane a passeggio, sanno che nessuna avversità potrà turbare la loro passeggiata. La separazione, ormai avvenuta, tra mondi che possono e mondi impotenti è un’ottima condizione per far sì che l’Assurdo si manifesti.

twitter