PROSSIMO SPETTACOLO:

JOSEPH TOONGA - Born to manifest

venerdì 14 giugno 2019

VISUALIZZA

Giardino della Chiesa di San Vito


sanvitomarostica

Del periodo ottoniano, quando buona parte dell’Italia venne saldamente inglobata nel Sacro Romano Impero Germanico, abbiamo un importante documento risalente al 983: si tratta del famoso privilegio del vescovo di Vicenza Rodolfo che attesta l’ampia estensione dei benedettini nel vicentino e la contemporanea presenza religiosa di Padova e Vicenza in territorio marosticense.
In questo privilegio vengono menzionate le chiesette di S. Vito (recentemente – 1987 – ultimata nei lavori di restauro) a sud della città in direzione di Vicenza, e di S. Apollinare, ora scomparsa, a est dell’attuale centro storico, in direzione Marsan-Bassano. S. Vito e S. Apollinare erano centri di due «curtes» (unità agricole) grazie alle quali i benedettini svolgevano la loro preziosa opera di evangelizzazione e di bonifica del territorio.

EVENTI CORRELATI

VENGO ANCHE IN BICI ode alla bicicletta
Teatro
02.08.2014
+
twitter