PROSSIMO SPETTACOLO:

IL FLAUTO MAGICO

domenica 9 ottobre 2016

VISUALIZZA

MASTER & YOUNG incontri in Musica


uto-ughiJack-Savorettisaverio tasca_01

Programma denso anche per la musica dove il Festival ha intessuto collaborazioni e progetti volti ancora alla formazione dei giovani artisti, alla loro presentazione e al loro sostegno, oltre che allo sviluppo di nuovo pubblico.
“Master & Young” è il titolo del programma che riunisce grandi maestri e giovani e giovanissimi musicisti, emersi solo di recente sulla scena della grande musica. E non poteva che essere Uto Ughi, insieme ai Solisti Veneti di Claudio Scimone ad inaugurare questo programma, uno fra i più acclamati musicisti del nostro tempo e che da sempre dedica molte energie ai giovani e alla cultura musicale nel nostro paese (19/07).
Giovanissimi poi i protagonisti che si susseguiranno, tutti incoronati in prestigiose competizioni nazionali e internazionali. Per un progetto in collaborazione con il Teatro La Fenice: i pianisti Alberto Ferro, (17/8) ventenne vincitore dell’ultima edizione del Premio Venezia con un raro programma tutto dedicato al novecento: Busoni, Rachmaninov, Shostakovic, Petrassi, Stravinsky e Axel Trolese (4/08) laureato nella stessa edizione con il Premio Casella, che propone brani di Debussy, Beethoven, Skrjabin, Ravel. Vero enfant prodige del violino è invece Giovanni Andrea Zanon, a 18 anni già vincitore dei più prestigiosi riconoscimenti internazionali per il suo strumento, torna a Bassano con un programma dedicato a Brahms, Kreisler, Bach e Mendelssohn (12/08).
Il programma del festival si completa anche con il nuovo progetto che Bassano ospita dal 2014: il CAMPUS DELLE ARTI, straordinaria esperienza di formazione musicale in residenza che per 2 settimane ospita giovani e giovanissimi musicisti, offrendo percorsi formativi di alto livello. Con la direzione artistica della pianista Angela Chiofalo, conta la partecipazione di maestri di fama nazionale e internazionale, protagonisti anche, insieme ai giovani allievi, di molti concerti che, dal 23 luglio al 1 agosto, animeranno tutta Bassano. Da citare almeno quelli con il celebre pianista Konstantin Bogino in una serata tutta dedicata al geniale musicista Erik Satie nel 150° della nascita (1/08) e con il violinista Ivos Margoni, 17 anni, vincitore del Premio Campus 2015, in musiche di Bach, Paganini e Kreisler (25/07).
Per il BASSANO in JAZZ, inaugurazione con Bassano City of Jazz che per un’intera serata (13/07) riempirà di note ogni angolo e via del centro di Bassano. Per proseguire con il trio Hobby Horse formato da Dan Kinzelman, Joe Rehmer e Stefano Tamborrino in un progetto che assembla influenze free jazz, ambient, rock e elettronica (18/07). Si conferma anche la partnership con Veneto Jazz con una tre giorni dedicata ai giovani talenti e con un eccezionale concerto del “singer songwriter” inglese di origine italiana Jack Savoretti (2/09). Vincitore dell’Onstage Award 2015 come migliore nuova proposta internazionale, è un musicista con molte anime e molti “passaporti”: un rocker amante del soul, un autore melodico che conosce il blues, un’artista pop che ama l’avventura. Per finire con il nuovo progetto di Saverio Tasca con il quartetto AlterArco: “Novae Terrae” (9/09), che sviluppa il tema della rinascita e della ricostruzione dopo un conflitto.

twitter